Cosa non mi piace del Belgio

Ormai sono qua da un anno e mezzo e quindi, dopo l'entusiasmo iniziale, posso cominciare a criticare...

Scrivo qui in ordine sparso le cose che non mi piacciono (alcune di queste cose in Italia sono meglio, altre no, ma non mi piacciono comunque anche se non sono peggio).
Si tratta ovviamente della mia visione personale, della mia vita qui, alcune cose sono più oggettive, altre decisamente soggettive.

  • Le biblioteche sono a pagamento.
  • La gente a volte è un po' troppo flemmatica.
  • L'igiene pubblica lascia a desiderare.
  • Pare che mettere i pisciatoi a vista e obbligare le donne a vedere uomini che si tengono lo zizi sia legge nazionale (del resto hanno questo esempio sotto gli occhi fin da piccoli).
  • I padroni dei cani li lasciano cagare sui marciapiedi e non raccolgono le cacche.
  • Il pavé che mi scassa la bici.
  • Le troppe salite da fare in bici.
  • La manutenzione stradale è piuttosto pietosa.
  • Il sistema di trasporti in Vallonia non è eccezionale.
  • La burocrazia è lenta e macchinosa (tra comuni, province, regioni, comunità linguistiche e stato federale non se ne esce...)
  • Il fatto di dover chiedere il rimborso delle visite mediche è macchinoso e non ho ancora capito perfettamente come funziona tutto il sistema sanitario, qualcosa mi sfugge (c'è troppa roba da leggere).
  • La lingua a volte è un ostacolo, per quanto bene la parli, non sarà mai la mia lingua madre.
  • La casa vecchia e mal coibentata.
  • Il cesso senza lavandino.
  • Il bagno senza bidet.
  • Essere straniera.

Cose che mi lasciano perplessa:

  • I francofoni non vogliono imparare il neerlandese perché fanno fatica, e i neerlandofoni fanno finta di non sapere il francese per ripicca, quindi alla fine parlano... inglese...
  • Se vuoi fare il commesso a Bruxelles devi sapere almeno 3 lingue, ma se vuoi fare l'ingegnere basta l'inglese (per poi magari parlare italiano perchè tutti i colleghi sono italiani...)
  • La questione delle religioni/pluralismo/laicità raggiunge livelli di assurdo paragonabili a quelli del bilinguismo, in particolare dire che si è "laici" suona troppo come presa di posizione politica, mentre se dici "sono atea, buddista, agnostica, credo nel sole che si leva al mattino" o robe simili, dicono "ah ok" e passano oltre... mah...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

0 # francine 2014-02-21 11:23
ahah, divertente!

Un paio di cosette: la storia dei cessi con pisello a vista giuro che non la ricordo, non credo di aver mai visto nulla di simile, perlomeno una parete esterna c'era per riparare dagli sguardi. Se ci pensi però in Italia non ci sono e gli uomini pisciano anche dove capita...

Cosa chiami "igiene pubblica"? Comunque quella privata potrebbe essere peggiore ;)

La burocrazia un tempo era snella, ma posso immaginare che ora sia molto peggiorata.

Il tuo commento sulla lingua che non sarà mai la lingua madre mi pare così ovvio che forse non era proprio il caso di scriverlo fra le cose che non ami.

Le cacche sui marciapiedi.... tasto dolentissimo, purtroppo. Vedo che noon è migliorato. Pensa che fino a 10/15 anni fa non c'erano nemmeno i cestini per i rifiuti in giro a bruxelles, era una città sporchissima. La gente era abbastanza educata, ma evidentemente anche lì molto è cambiato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Nadia 2014-02-21 11:40
Citazione francine:
ahah, divertente!

Un paio di cosette: la storia dei cessi con pisello a vista giuro che non la ricordo, non credo di aver mai visto nulla di simile, perlomeno una parete esterna c'era per riparare dagli sguardi. Se ci pensi però in Italia non ci sono e gli uomini pisciano anche dove capita...

non so, voglio dire, non è che gli veda il pisello eh... ma solo il fatto di, che so, andare in bagno in un locale e vedere un uomo che è li che piscia a meno di 3m da me mi urta un po' :-x Gli uomini che pisciano dove capita li ho visti purtroppo anche qui, non tantissimi, ma capita...

Citazione francine:

Cosa chiami "igiene pubblica"? Comunque quella privata potrebbe essere peggiore ;)

Sull'igiene privata non indago, che è meglio, ognuno ha il proprio sporco :-)
Con igiene pubblica intendo ad esempio nelle scuole (per quella che è la mia esperienza in Italia erano più pulite...) e comunque anche le città non sono pulitissime, ripeto, non è necessariamente un confronto con Milano, magari per alcune cose Milano è uguale o peggio... sono semplici osservazioni

Citazione francine:
La burocrazia un tempo era snella, ma posso immaginare che ora sia molto peggiorata.

In realtà devo dire che ho avuto risposte sempre abbastanza rapide, ma la trafila per ottenere certi documenti (come l'equivalenza dei diplomi) me la sarei aspettata più rapida, essendo cittadina europea... Comunque non è di certo peggio che in Italia... diciamo che con la storia delle lingue e dello stato federale le cose non si semplificano...

Citazione francine:
Il tuo commento sulla lingua che non sarà mai la lingua madre mi pare così ovvio che forse non era proprio il caso di scriverlo fra le cose che non ami.

Beh, non mi piace, mi fa sentire "limitata" (a volte mi blocco per paura di sbagliare)
Ora poi sono in quella fase in cui vedo gli errori degli altri, ma continuo a farne un sacco io e a volte non riesco a farmi capire come vorrei (ho circa un livello C1, ma con parecchie lacune grammaticali...)
Citazione francine:
Le cacche sui marciapiedi.... tasto dolentissimo, purtroppo. Vedo che noon è migliorato. Pensa che fino a 10/15 anni fa non c'erano nemmeno i cestini per i rifiuti in giro a bruxelles, era una città sporchissima. La gente era abbastanza educata, ma evidentemente anche lì molto è cambiato.

La gente è in genere educata... ti dice bonjour madame, e poi fa cagare il suo cane davanti alla tua porta :lol:
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Francesca 2014-02-21 11:50
Nuuuuu, la burocrazia è quasi peggio che qui?
Impossibile, dai!
:-D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Nadia 2014-02-21 12:04
è soprattutto macchinosa (ci sono tanti passaggi, tanti moduli richiesti, tanti enti) e comunque non rapidissima, perché ad esempio per l'equivalenza del diploma, una volta capito tutti i documenti da dare e forniti i documenti, ci sono voluti ancora 5 mesi forse più prima di avere il pezzo di carta... per una cosa che dovrebbe essere quasi automatica dato che sono cittadina Europea e ci sono le tabelle di equivalenza...
Comunque non ho detto che sia peggio che in Italia ;-)
Diciamo che per una paese così piccolo è un apparato burocratico piuttosto complesso e pesante...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # GP 2015-09-23 09:41
Confermo, burocrazia peggio che in Italia.

Se il tuo lavoro e' pagato un tanto l'ora (anziche' un tanto al mese), se ti ammali. le ore di lavoro non prestate te le paga il governo, non il datore di lavoro. E, indovina un po? i moduli da compilare sono talmente complessi che devi pagare un'agenzia apposita!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # clara Mamma 2014-02-21 15:17
posso dirti le cose belle del Belgio:

. Le biblioteche: ci sono!
. la gente che non perde mai la calma
. la mancanza di inutili formalismi sulle questioni igieniche
. la naturalezza dei rapporti tra i sessi
. la familiarità con gli animali e le loro produzioni
. il pavé così romantico
. il paesaggio mosso e sempre vario
. la fiducia nei ciclisti e pedoni
. incoraggiamento a una mobilità ecologica
. l'accuratezza nel seguire le pratiche
. la sanità che preferisce prevenire che curare
. la lingua che rappresenta una continua scoperta
. la casa old fashion con un giardino che altrove te lo sogni
. Il cesso che non devi lustrare il lavandino.
. Il bagno che non rischia di saltarti il flessibile del bidet.
. Essere straniera.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Nadia 2014-02-21 22:14
Ehi, praticamente hai fatto lo spoiler del mio prossimo post che sarebbe dovuto essere "cosa mi piace del Belgio"!!!) :P :P :lol: :D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marilena 2014-02-21 19:00
Ecco il period di luna di miele e' finite! Ed e' giusto cosi. Non so perche' alcune persone non capiscono che soltanto perche' critichi il paese dove vivi non vuol dire che non ne apprezzi I mille vantaggi. Vuol soltanto dire che siccome adesso quella e' la tua casa, ti piacerebbe che alcune cose fossero diverse. Io vivo in California da 16 anni e critic le cose che non mi piacciono perche' siccome vivro' qui il resto della mia vita vorrei cambiare qualcosa. Non vuol dire che quelle cose sono meglio in Italia. Di solito sono peggio.
Per fortuna la maggior parte delle cose sulla tua lista non sono gravi o possono cambiare. Magari riuscirai a trovare una casa piu' moderna e anche se la burocrazia e' tediosa una volta che ti arrivera' il riconoscimento del diploma non dovrai piu' preoccuparti.
Purtroppo per la lingua non ci sono rimedi. Dopo 16 anni in USA, comunque non sento l'inglese mai completamente mio. Il problema e' quando comincio a non ricordarmi l'italiano. Li si che c'e' da piangere. Per quanto riguarda sentirsi stranieri. Ti posso dire che sara' sempre cosi. Ma un giorno arriverai a sentirti straniera anche in Italia. Fa parte dell'essere emigrante. I tuoi figli invece si sentiranno piu' belghi che italiani un giorno. Pero' faglielo imparare il nederlandese perche' apre un sacco di porte in Belgio.
Buona fortuna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Nadia 2014-02-21 22:13
Io non solo dimentico l'italiano, ma quando per caso cerco di mettermi a parlare inglese mi va in cortocircuito il cervello... è un disastro!!! Posso passare da inglese, francese e italiano nella forma scritta, ma se devo passare da francese a inglese nel parlato è un disastro... spero che migliori perché comunque l'inglese mi servirebbe...
I miei figli saranno come i tanti figli di italiani che ci sono qui... almeno non sono soli (basta vedere il primo ministro!!! :lol: )
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # GP 2015-09-23 09:37
Io aggiungerei anche i treni vecchi, zozzi, LENTI (1h40 min per fare i 95 km che separano brussel airport da Kortrijk), spesso con ritardi, scioperi, malfunzionamenti, lavori sulla ferrovia senza preavviso e altri disservizi di vario genere...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione